Una spallata contro l’occupazione italiana di Trieste