Le intimidazioni continuano e la magistratura perde tempo